City Life Magazine 17 - Page 58

58 CITY LIFE MAGAZINE N.17 Sempre nella categoria “architettura”, cinque sono state le menzioni speciali a Azerbaijan, Barhain, Belgio, Israele, IntesaSanPaolo. Per la categoria “Food&Beverage”, cinque i premiati (in ordine alfabetico): Cile, Francia, Coop, Cir Food e Lavazza. Per la terza categoria, “Green procurement”, i riconoscimenti sono stati attribuiti a un paese ospite e a tre imprese commerciali: Cile, Lavazza, Carlsberg e Coca Cola; due le menzioni speciali a Illycaffè e Coop. Infine, per la quarta e ultima categoria, quella generica denominata “altre iniziative” di sostenibilità, sei sono stati i paesi premiati: Cile, Belgio, Lituania, Waa-Conaf, Fondazione Triulza e Coop, con due menzioni speciali a Principato di Monaco e Vanke, la corporation cinese presente a Expo. La selezione è avvenuta sulla base di 80 candidature in tutte e quattro le categorie, in rappresentanza di 39 player, di cui 23 paesi ospiti e 16 tra partner e organizzazioni della società civile. Trentanove concorrenti su un totale di 72 padiglioni, considerando quelli dei paesi ospiti, delle aree tematiche, della società civile e delle aziende presenti a Expo. La sezione più frequentata è stata la prima, quella del “Design&Material”, con 32 partecipanti (21 paesi e 11 partner), poi quelle delle “Altre iniziative”, con 21 partecipanti (10 paesi e 11 partner), del “Green procurement”, con 14 partecipanti (4 paesi e 10 partner) e, infine, la categoria del “Food &Beverage” con 12 presenze (10 e 11 rispettivamente). A benedire la manifestazione di premiazione, dal titolo “Toward a sustainable Expo”, il ministro all’Ambiente Gian Luca Galletti, accompagnato dal direttore dell’agenzia di protezione ambientale delle Nazioni unite per l’Europa, Jan Dusik. L’iniziativa, il cui scopo era stimolare e valorizzare l’adozione di soluzioni sostenibili da parte dei protagonisti dell’esposizione universale, è stata promossa nel 2013 dal ministero dell’Ambiente in collaborazione con Expo 2015 e la collaborazione tecnica del Politecnico di Milano. Expo, tra le altre cose, è stata anche l’occasione per sperimentare delle buone pratiche di sostenibilità, la messa a punto di metodologie per la contabilizzazione, mitigazione e neutralizzazione delle emissioni di CO2 legate all’evento, la realizzazione di strutture temporanee come occasione per definire e sperimentare una strategia di sostenibilità dei grandi eventi. In questo contesto, “Towards a Sustainable Expo” ha lanciato a tutti i