3° Anno TEORIA 3. Paradigmi di programmazione

2. Paradigmi di programmazione versione 1.2 – Novembre 2009 2. PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE La disciplina che si occupa dell’automatizzazione dei processi risolutivi attraverso la codifica o l’implementazione prende il nome di programmazione di un algoritmo in un linguaggio di programmazione. Con il termine paradigma di programmazione (paràdeigma: dal greco “modello”) ci si riferisce ad un modello al quale la mente del programmatore deve astrattamente uniformarsi (il programmatore è colui che traduce le istruzioni dell’algoritmo descritto in pseudolinguaggio e/o con un flow-chart nel linguaggio di programmazione scelto). Schematizzando, i paradigma di programmazione sono così suddivisibili: PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE A B PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE DI TIPO PROCEDURALE DI TIPO NON PROCEDURALE O DICHIARATIVO A1 B2 PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE DI TIPO PROCEDURALE DI TIPO DICHIARATIVO IMPERATIVO CLASSICO LOGICO A2 PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE PARADIGMA DI PROGRAMMAZIONE DI TIPO PROCEDURALE DI TIPO DICHIARATIVO AD OGGETTI FUNZIONALE Autore: Rio Chierego (email: riochierego@libero.it - sito web: www.riochierego.it) B1 Pag. 1